Submit

Sanificazione di ambienti e condizionatori

29/05/2020

28/05/2020 (aggiornamento)

 

Pulizia e disinfezione degli impianti e degli ambienti sono fondamentali e necessarie per poter affrontare le prossime fasi di riapertura, come confermano le ordinanze regionali che danno disposizioni specifiche sulla gestione della Fase 2.

 

Sono stati sollevati alcuni dubbi interpretativi che hanno creato difficoltà ai tecnici del settore. Non risulta chiaro a tutti, infatti, quali certificazioni e requisiti siano necessari per poter svolgere alcune delle operazioni di prevenzione al contagio.

 

Le associazioni di categoria si sono espresse per fare chiarezza: ASSISTAL ha ribadito che “la pulizia e la disinfezione degli impianti devono essere affidate agli impiantisti” e la CNA (Confederazione Nazionale dell'Artigianato e della piccola e media impresa) ha predisposto un Vademecum, che potete scaricare a fondo pagina.

 

L’attività di sanificazione, pulizia e disinfezione delle unità interne dei climatizzatori, dei filtri dei ventilconvettori, bocchette, canali e filtri degli impianti aeraulici sono quindi di esclusiva competenza delle imprese di installazione e manutenzione di impianti in possesso dei requisiti previsti dal D.M. 37/08 (non delle imprese di pulizia). 

 

In seguito al chiarimento di Unioncamere, le imprese termoidrauliche con codice Ateco 43.22.01 (installazione di impianti idraulici, di riscaldamento e di condizionamento dell’aria) sono pertanto autorizzate ad operare e a scrivere sulla fattura "sanificazione", permettendo così al committente di accedere al credito d’imposta Covid-19.

 

Il Gruppo Cambielli Edilfriuli, per supportare i professionisti che devono operare secondo le prescrizioni imposte, ha ampliato il proprio assortimento con un’offerta di prodotti per le operazioni di pulizia, disinfezione e sanificazione. Tra questi, generatori di ozono, igienizzanti e idropulitirici, sanificatori a perossido di idrogeno o a lampade germicide, prodotti disinfettanti PMC e molto altro.

 

Link di approfondimento:

 

Condividi